Un tributo alla Sicilia. Insalata pantesca

IMG_20130627_064858

Di Francesca R. Bragaglia

L’insalata pantesca è stata una rivelazione, un gusto nuovo, un piatto mediterraneo, un sapore fresco ed estivo che già dal primo morso ti sorprende. E’ una portata fredda tipica dell’isola di Pantelleria. Alla ricetta originaria ho apportato alcune modifiche logistiche e operative che si confacessero alla disponibilità di tempo ed economica e alla difficoltà di reperire alcuni ingredienti come appunto i capperi di Pantelleria sotto sale, l’olio evo siciliano e la ricotta salata catanese. Una pietanza che ha comunque riscosso un ottimo successo fra i commensali e che vuol essere un tributo per la Sicilia. Un giorno sicuramente la ripeterà seguendo la ricetta originale.

Ingredienti (4/6 persone);

– 4-5 patate lesse (le quantità in base alla grandezza e alla fame!);

– 1 cipolla rossa grande;

– 100 gr. di olive nere denocciolate (oppure al forno che gli danno un tocco originale e una marcia in più);

– 1-2 cucchiai di capperi sott’aceto;

– 250 gr. di pomodori ciliegino;

– 1 confezione di sgombro;

– origano secco qb;

– sale qb;

– pepe

– olio qb;

– 1 bicchiere di aceto balsamico (la ricetta prevede l’uso di aceto di vino rosso);

Preparazione:

– Sfogliare la cipolla, tagliarla a pezzetti non molto spessi, collocarla in un contenitore dove verserete l’aceto per lasciare le cipolle in macerazione per una trentina di minuti (o se volete e vi piace il sapore dell’aceto anche di più);

– Pelare le patate lesse, tagliarle a fette non troppo sottili, disporle su un piatto di portata a mo’di letto e condire con un filo d’olio, un pizzico di sale e pepe;

– Passare i capperi velocemente sotto l’acqua corrente e farli scolare;

– tagliate i pomodori a metà, privateli dei semi e metteteli in un contenitore dove aggiungerete le olive, lo sgombro, i capperi e le cipolle scolate. Aggiungete una volta amalgamati gli ingredienti, l’olio, il sale, l’origano e il pepe e mescolare.

– Collocare gli ingredienti sul letto di patate e servire.

Se avete tempo, potete mettere il piatto in frigorifero per un’ora.

🙂

2 thoughts on “Un tributo alla Sicilia. Insalata pantesca

  1. Ciao! L’abbiamo cotta e mangiata nel vero senso della parola! A me personalmente i capperi non piacevano fino a quando non ho assaggiato questo piatto! Meraviglioso! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...