Frizzi lazzi e castagnole… è arrivato il carnevale!

castagnoleDi Francesca R. Bragaglia

Aria di festa, coriandoli, bambini (e non solo) in maschera, da Peppa Pig all’intramontabile zorro, da Mickey Mouse all’uomo ragno… non mi sento di travestirmi, non ho più l’età… e sinceramente non ricordo nemmeno l’ultima volta che ho indossato un costume (neanche quello per nuotare!!!!)…Però domenica scorsa il brutto tempo mi ha costretta a passare la giornata in casa e allora mi sono detta ‘Piazzo un c4 in cucina, faccio impazzire mia madre, tento l’impossibile e faccio le castagnole!!!’ Originariamente avrei voluto preparare un altro classico della tradizione carnevalesca: i crostoli, le frappe, le chiacchiere… buonissime… mio nonno le sa fare benissimo ma non sono riuscita a carpire la sua ricetta veneta…e poi la rogna delle chiacchiere è stendere la pasta e personalmente non ho dimestichezza con quel mastodonte della macchina Imperia… mi sentirei come un personaggio dei cartoni animati con tanto di gocciolone grondante dalla fronte e nuvolette di simboli brutti e indecifrabili!!! Pertanto onde evitare di fare la nipote pusillanime e lagnosa mi sono cimentata nella preparazione delle castagnole… inizialmente le ho cotte al forno, però non danno soddisfazione come l’untume delle castagnole fritte immerse in bianche montagne di zucchero semolato da allappamento totale… ma veniamo al sodo che vi spiego come ho fatto e mentre scrivo mi gusto queste delizie fritte che ho sottratto alle mani ingorde dei miei familiari… il mio tesssssorooooo:

Ingredienti:

– 400 gr. di farina autolievitante;

– 2 uova intere;

– 150 gr. di zucchero;

– 1 pizzico di sale;

– 30 gr. di burro (o meglio strutto…);

– la scorza grattugiata di un limone;

– qualche goccia di aroma al rum (se avete il rum meglio!!!);

– 2 cucchiaini di liquore dolce (in casa ho solamente liquore al mandarino e amaretto… ergo ha vinto l’agrume!);

– 1 bottiglia di olio di semi di girasole.

Se volete potete mettere anche due dita di vino bianco.

Per decorare: zucchero semolato.

Preparazione:

– versare tutti gli ingredienti nella planetaria (o nel frullatore). Per la planetaria ho usato la spatola per impastare la pasta di pane/pizza a velocità due (quindi massima per quella paletta specifica) per qualche minuto.

– Il composto liscio e omogeneo che risulterà da questa operazione deve essere raccolto nella classica palla e fatta riposare per una mezzora nella pellicola trasparente o nella carta da forno.

– Mettere a scaldare bene ma dico bene bene bene l’olio abbondante;

– prendere la palla di pasta da cui ricaverete dei salsicciotti che andrete a sezionare in quadrotti grandi appunto come castagne e a cui darete con le mani una forma tonda.

– Tuffate le castagnole nell’olio a temperatura bollente, giratele velocemente con la ‘schiumarola’ e mettetele sulla carta assorbente quando risulteranno belle dorate ma non abbronzate!!!

– Mettete in una ciotolina un bel po’ di zucchero semolato e rotolate le castagnole ancora calde nello zucchero…

Sono deliziose. L’esperimento delle pallide castagnole al forno avrei evitato di raccontarvelo, ma mia madre ha scoperto una nuova dimensione: la castagnola al forno tagliata a metà con dentro la crema di nocciola… De gustibus non disputandum est… il procedimento di preparazione è lo stesso, ma la cottura è a 200° per 10 minuti… il risultato è un insieme di dischi di bianchicce castagnole che all’interno sono cotte e buone… se le cospargete di zucchero a velo è meglio… sono tristissime, però se non volete esagerare con l’unto… però vi comunico ufficialmente che non c’è paragone! Ma in tutto questo, una volta fritte anche le scarpe, il premio per la simpatia è andato a mio nonno che quando mi ha visto al lavoro mi ha chiesto ‘Me li hai fatti i crostoli?’ O_o … Nonnino te li avrei fatti molto volentieri ma senza ricetta di famiglia come avrei fatto??? Forse su questi schermi, anzi su questo blog, pubblicherò la ricetta delle frappe di famiglia… se riuscirò a scoprire ‘I crostoli del mistero’…

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...