Hai capito Ginetto? Ciambelline al Vino Bianco e Moretta Fanese con lievito madre in esubero

OLYMPUS DIGITAL CAMERADi Francesca R. Bragaglia

E bravo il mio Ginetto. Ti davo per spacciato. Mi guardi dal ripiano più alto dello scaffale, suddiviso in più barattoli, ciccionissimo, in salute e non ancora rinfrescato… Ultimamente il pane che facciamo insieme non mi viene bene… lievita ma quando lo sfilo dal forno e lo taglio noto che sì, è cresciuto, ma non è cotto… Cosa può essere successo? Il tuo amico forno sta dando segni di squilibrio? Forse sì o forse no… Pensi che nel nostro rapporto di dipendenza sia successo l’irreparabile? Si è incrinato qualcosa? Ricordati nipote mio (perché la genitrice è Serena, la mia amica del blog serenacucina), che finché vivrai nel mio frigo e non sarai diventato maggiorenne non mi dovrai lasciare senza un buon motivo. E altrettanto farò io. E continuo a farlo. Non posso sacrificare la pasta madre e fargli fare i voli pindarici nel secchio della spazzatura della cucina con tanto di torsione del busto… In questa giornata casalinga, ho deciso di dedicarmi alla produzione con il lievito madre… spulciando nel web ho come al solito preso con il retino un paio di ricette, le ho mescolate e ho tirato fuori la mia. Di cosa si tratta? Di ciambelline al vino. La ricetta originale che potete visionare qui ed è della mia socccia Danila https://missionegusto.com/2013/11/25/ciam-belline-al-vino/ … dicevo, la ricetta originale di questo tipico dolce laziale, non prevede il lievito, ma devo ammettere che il lievito madre conferisce ai biscotti una consistenza interessante: non sono croccanti o dure, ma friabili! Inoltre ho usato la Moretta di Fano perché mi piace e perché penso che sia un liquore che si integra benissimo con questa ricetta… Pronti per la ricetta?…Viaaaa

Ingredienti per 9/10 ciambelline:

  • 50 grammi di lievito madre non rinfrescato, in esubero;
  • 140 grammi circa di farina 0;
  • 50 millilitri di olio (di oliva non evo, di semi di girasole o di arachidi);
  • 50 millilitri di vino bianco (anche se a casa ne avete solo rosso, va bene lo stesso. Io nel frigo avevo un bianco aperto!);
  • 2 cucchiaini di Moretta (o liquore all’anice, la Sambuca. Non è obbligatorio mettere il liquore!);
  • 1 pizzico di sale
  • 70 grammi di zucchero di canna (+ altro per cospargere le ciambelline);

Procedimento:

  • Togliere dal frigo il lievito madre e lasciarlo acclimatare per un’oretta;
  • Far sciogliere il lievito madre nell’olio e aggiungere a seguire il vino, il liquore, la farina, il sale e lo zucchero e mescolare e impastare fino a ottenere un impasto omogeneo;
  • Stendere la pasta e formare un salamone da cui staccare pezzi di impasto grandi quanto delle noci e dai quali formare dei serpentelli di circa 20/25 cm le cui estremità andranno sovrapposte e attorcigliate;
  • Con molta delicatezza passare le ciambelline (solo con la parte superiore) nello zucchero di canna;
  • Infornare per 20 minuti a 200° in forno ventilato rigorosamente preriscaldato e controllare la doratura!

Ci abbinerei un bel Moscato! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...