Le avventure di John Flick, il cugino di Flapjack…

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Di Francesca R. Bragaglia

Cosa si può realizzare con l’avena? Ne ho ereditata mezzo chilo e non ho il coraggio di sprecarla.

Alcuni giorni fa ho cercato nella rete qualche ricetta ad hoc e ho trovato alla fine l’ispirazione: biscotti con cocco e avena. Ma qualcosa è andato storto… non chiedetemi cosa, eppure lo giuro, ho seguito alla lettera ingredienti ed esecuzione! Il composto non era abbastanza umido, non si amalgamava, quindi ho dovuto adottare delle tecniche di salvataggio improvvisate con cui ho trasformato un disastro totale in un esperimento. Un flapjack rivisitato!

Il flapjack è un dolce veloce e gustoso proveniente dalla tradizione anglosassone, a base di avena e golden syrup simile al caramello. si cuoce in una teglia bassa rettangolare e una volta pronto si ritaglia in barrette.

Quando ho portato questo dolce al lavoro, il mio carissimo collega Umberto (nonché mio vicino di scrivania che condivide insieme a me a pranzo l’insalata di pasta o riso… quando mi ricordo di prepararla), che non aveva capito bene la pronuncia dell’originale, esordisce ‘Mi dai un pezzo di quel flickqualcosa?’ Ecco svelata la derivazione del nome di questo dolce nato per errore. Grazie Umberto, te ne sarò grata! 🙂 Questo post è per te!

Ingredienti (per una teglia da circa 26 cm):

  • 130 grammi di farina tipo 0;
  • 100 grammi di fiocchi di avena;
  • 120 grammi di farina di cocco;
  • 150 grammi di zucchero di canna;
  • 150 grammi di burro;
  • 4 cucchiai di miele (liquido);
  • 2 cucchiai di acqua bollente;
  • 3 cucchiaini di bicarbonato;
  • 1 uovo intero;
  • 1 bustina di vanillina.

Procedimento:

– Far ossigenare in una ciotola capiente le farine (la 0 e quella di cocco) mescolandole, quindi aggiungere lo zucchero di canna e i fiocchi d’avena;

– Far sciogliere in un pentolino a fuoco bassissimo il burro con 2 cucchiai di miele, mescolando di tanto in tanto;

– Nel frattempo sciogliere il bicarbonato con l’acqua e con molta attenzione; versarlo nel pentolino del burro (a fuoco spento) molto delicatamente, tenendovi alla larga dal fornello, perché in questa fase la reazione può causare schizzi ed ebollizioni;

– Versare il composto nella ciotola con la farina, mescolare, aggiungere l’uovo e il restante miele e rimestare;

– Collocare l’impasto sulla teglia precedentemente foderata di carta da forno, appiattirlo con un leccapentole o con un cucchiaio di legno e livellarlo;

– Cuocerlo in forno a 180° per 25-30 minuti fino a quando la superficie non assumerà un colore dorato;

– Lasciare raffreddare il dolce sulla gratella, quindi cospargerlo di zucchero a velo e tagliarlo a quadrotti.

Con questo caldo torrido l’ho conservato in frigorifero in un contenitore ermetico e si è mantenuto per tre giorni!

 

4 thoughts on “Le avventure di John Flick, il cugino di Flapjack…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...