Li preparo in… tre suggerimenti di ricette salvatempo. Di grande effetto e gustosissime.

TRIS.jpg

Di Francesca R. Bragaglia

Ore 18.15. Ho appena infilato il naso dentro casa. Piena di borse della spesa. Sudata come se fosse una calda giornata d’agosto (in realtà fuori faranno sì e no dieci gradi). Di fretta come al solito. Io che faccio e disfo, che me la canto e me la suono. Che invito i nostri carissimi amici e per un arcano motivo (ma facciamo anche arcaico, perché da trentadue anni accade e mi trascino questo status di ritardataria cronica), mi riduco sempre all’ultimo momento. La sottoscritta che da una vita ha impostato l’orologio dell’automobile, portandolo avanti di quindici minuti. Una precisione infinita al lavoro (tra poco mi affideranno le chiavi per aprire gli uffici, di questo passo…arrivo all’alba per paura di fare tardi!) e per tutto il resto un controsenso, una vera e propria catastrofe… “Non è colpa mia, è che mi disegnano così”. Risposta standard scopiazzata dal mitico cartone Chi ha incastrato Roger Rabbit?

Purtroppo non sono frutto di una penna, né sono la splendida Jessica Rabbit alla quale può essere perdonata qualsiasi cosa.

Il fatto è che gli imprevisti ti aspettano dietro l’angolo, un po’ come i gatti che preparano gli agguati, per godere mentre ti conficcano le unghie nei polpacci.

Un ingrediente lasciato a casa di tua madre, o addirittura lasciato alla cassa (ovviamente dopo averlo pagato, altrimenti non avrebbe senso, no?). Il vino che non basta. Il pesce che non si scongela. I dolcetti che non si solidificano e nel frattempo sei convintissima di aver acceso il forno per farlo scaldare e soltanto quando non vedi il vetro appannato della cucina, capisci che o l’elettrodomestico è rotto, oppure devi farti vedere da uno bravo.

Sfiga? Coincidenze? Sbadatagine? Tutto è possibile. E il rimedio c’è sempre. Soprattutto quando ti cimenti in piatti relativamente veloci e che propini ai tuoi amici che non sanno che non li hai mai realizzati prima… quindi invochi Sora Lella, Escoffier, Gualtiero Marchesi, incroci le dita, giri intorno alla sedia, ti infili il grembiule, baci la cucchiara di legno e ti dici ‘O la va o la spacca’. Se la fortuna del principiante non è dalla tua parte  e se hai percepito un sentore di insuccesso, ricorda sempre di attaccare sul frigo il post-it con il piano B.

Qualche sera fa non mi è servito. Non è rimasto nulla nelle pentole, nei piatti, nelle padelle. Niente di niente. Zero. Tutto volatilizzato e sapientemente spazzolato. Una cena a base di pesce accompagnata in successione da tre vini bianchi: Valdadige – Inzolia – Müller Thurgau.

Piatti pronti in meno di due ore. La foto con la selezione dei piatti non rende giustizia a questo menù:

Antipasto:

  • Cubotti di pane con salsa al tartufo e asparagi (acquistata alla manifestazione Arti e Mestieri alla Fiera di Roma… deliziosa!);
  • Carciofini e funghi sottolio;
  • Caprese scomposta: Prendere delle mozzarelle e tagliarle a metà. Con l’aiuto di uno scovolino (per fare le pallette di melone o un coltello), scavare la mozzarella, e lo scarto metterlo in una ciotola e schiacchiarlo con una forchetta a cui andremo ad aggiungere dei pomodori datterini a cubetti piccolissimi, olio, sale, pepe e basilico. Mescolate il tutto e adagiarlo nella mozzarella!

    Primo:
    – Farfalle con funghi, radicchio e salmone. Una rivelazione! Tre sapori che si mischiano egregiamente… e un piatto pronto in poco tempo! Vediamo la ricetta!
    Ingredienti (per 4 persone):
    – 400 grammi di farfalle;
    – 1 cespo medio di radicchio tondo;
    – 1 scalogno;
    – 200 grammi di salmone affumicato;
    – 300 grammi di funghi champignon (io li avevo surgelati);
    – olio 4 cucchiai;
    – Sale qb;
    – pepe qb;
    – prezzemolo qb;
    – un brick da 200 ml. di panna da cucina.

    Procedimento
    – Lavare il radicchio e il prezzemolo;
    – Tagliare il radicchio in strisce non troppo lunghe;
    – Sfogliare e affettare sottilmente lo scalogno;
    – Far scaldare 2 cucchiai d’olio in cui faremo rosolare la cipolla e dove faremo appassire il radicchio e uno volta cotto lo saleremo;
    – In un’altra padella dove avremo scaldato gli altri due cucchiai di olio, faremo cucinare i funghi che andremo a insaporire all’ultimo con sale, pepe e prezzemolo sminuzzato;
    – A questo punto, versiamo i funghi nella padella del radicchio, aggiungiamo il salmone e la panna e mescoliamo. E una volta cotta la pasta, condire e servire!

    Dolce
    – Rose del deserto al cioccolato. Meravigliose e gustose. Fatte con solo due ingredienti: 200 grammi di tavolette di cioccolato fondente e 100 grammi di cornflakes! Basta sciogliere a bagnomaria il cioccolato, farlo raffreddare e versarci dentro i cornflakes. Mescolate bene e formare dei mucchietti, disporli su una teglia rivestita di carta da forno e lasciare riposare in frigo per farli solidificare! Deliziosi! Gnam gnam!

One thought on “Li preparo in… tre suggerimenti di ricette salvatempo. Di grande effetto e gustosissime.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...