Umbria mon amour. Giorno due e sulla via del ritorno…

Di Francesca R. Bragaglia

image

Questa la vista al risveglio, dal nostro nido nel centro di Spoleto. Notte tranquilla, senza alcun disturbo fisico. Effettivamente temevo che, dopo tutte le prelibatezze assaporate da Giorgione, avrei avuto problemi digestivi (vd post precedente). Che convivo con una combo di colite e gastrite. Che ho il mal di testa un giorno sì e l’altro pure. Che adoro mangiare cinese ma ci metto una settimana per digerire. Insomma una rompiscatole patentata. E invece niente.  Sono andata giù come un ciocco di legno, dopo aver concluso la serata in un locale vicino il nostro alloggio degustando un tagliere di salumi e formaggi grazie a un cofanetto regalo. Unica pecca, il sagrantino che era praticamente cotto. Quindi neanche brilla sono andata a letto. Ma che brava ragazza!
Secondo giorno di permanenza iniziata con una bella visita in cantina. Ore 11.30, arrivati su due ruote (non prendendo la curva a grande velocità, ma perché siamo andati in Umbria in moto) presso l’azienda Le Cimate nei pressi di Montefalco.

image

image

Una visita prenotata grazie ad un altro cofanetto regalo. Non ho letto altre proposte nel catalogo. Sono andata dritta dritta a leggere le informazioni sulla cantina e ho subito prenotato senza alcun indugio.
Ad accoglierci con disponibilità e gentilezza, il proprietario, il signor Paolo. Un’azienda che ha preso il via dai vigneti del nonno. Si chiama Le Cimate perché è in cima al monte ed è stata avviata come tale nel 2010. Con i suoi 20 ettari circa e l’allevamento a guyot e cordone speronato. Con dei vini strepitosi. Con olio e salumi di produzione propria. Con la cura nella produzione e nei dettagli, dalla coltivazione alla vendemmia,dalla vinificazione all’affinamento e fino all’imbottigliamento…

image

image

image

image

image

image

Dopo la visita in azienda ad aspettarci nella sala delle degustazioni spaziosa e sobria, un tagliere niente male

image

E dei vini eccezionali

image

Aragon (e non Aragorn come i libri Fantasy di grande successo), Umbria IGT 2014, 13 gradi. Bianco sorprendente ottenuto da uve di Vermentino e Grechetto e una piccola percentuale di Trebbiano e Chardonnay. Minerale, frutta tropicale e molto floreale. Perfetto come aperitivo, ottimo compagno di un piatto a base di pesce.

image

Trebbiano Spoletino DOC, 2015, 13,5 gradi. Che dire? Vitigno in purezza che sprigiona sentori fruttati, un particolare profumo di zagara e spiccatamente vivace in bocca. Se organizzate una grigliata o una bella orata in crosta di patate,  questo vino è quel che ci vuole.

image

Montefalco Sagrantino DOCG 2011, 15 gradi. Premesso che questo vino è da destinarsi all’invecchiamento, anche se del 2011 presenta dei tannini molto gradevoli. Complesso e strutturato.  Frutta rossa, torrefazione, tabacco, cacao e liquirizia. Affinamento per un minimo di 36 mesi di cui 24 in barrique e 12 in bottiglia. Con un brasato, un piatto di selvaggina con patate al forno o uno stinco di maiale.
La giornata che abbiamo trascorso con dei nostri amici che ci hanno raggiunti, è trascorsa gozzovigliando, bevendo e facendo anche una tappa a Spello…
Terzo e ultimo giorno incentrato sulla Rocca Albornoziana (fortificazione voluta dallo Stato Pontificio nel XIV secolo), raggiunta grazie alla geniale rete di scale e tapis roulain che collegano le diverse zone di Spoleto

image

image

image

image

image

image

Affamati e stremati, sulla strada del ritorno dove non ci ha colti impreparati il diluvio universale (bardati poi con la tuta antipioggia per asciugarci solo a Civitavecchia dove ci ha graziati il sole), ci siamo fermati all’Osteria del Tempo Perso che sta vicino ad Eggi. Un luogo fuori da ogni schema, pieno di scritte sui muri lasciate dai clienti e oggetti di uso comune di epoche passate

image

image

image

image

Dove abbiamo mangiato benissimo dall’antipasto al dolce e dove il personale è simpaticissimo e molto originale…

image

Se passate da quelle parti, la tappa è obbligatoria.
A presto cara Umbria…

One thought on “Umbria mon amour. Giorno due e sulla via del ritorno…

  1. Bello!! Segnato tutto, per eventuali, futuri giri da quelle parti. Specie quest ultimo locale con le scritte sui muri che mia sfizia parecchio! Baciiii💜💜💜

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...