Ma allora non è un sogno! Il Mulino esiste! 

Di Francesca R. Bragaglia

Ho sempre pensato che fosse un posto fantastico. Ho sempre seguito le peripezie sotto forma di cartone animato, del piccolo mugnaio bianco (un po’sfigato) che, non riusciva mai a farsi vedere dell’amata Clementina, che si ritrovava sempre tra le mani le delizie preparate dal suo più grande ammiratore. Che è stato spennellato di bianco nella pubblicità del Tegolino. Che è rimasto intrappolato nel sogno della dolce pulzella nello spot della crostatina. O che ha rischiato di volare via inglobato in una bolla di sapone, nella disperata consegna del saccottino al cioccolato. 

Per poi gioire dei successi, e dei festeggiamenti, e rivivere scene di vita quotidiana, della famiglia in carne e ossa che abitava in un mulino tutto bianco, con le persiane rosse color amore. Con gli uccelli cinguettanti e il dolce suono del fiume, che faceva girare la grande ruota in legno. Storie dirette da Tornatore e musicate da Morricone nei primi anni Novanta, in un luogo magico, non di cartapesta o creato negli studi cinematografici. Un vero mulino che si trova in quel di Chiusdino, in provincia di Siena. 

Le strategie pubblicitarie della famiglia Barilla, sono state oggetto di studio universitario, a conferma di un business planetario che si tramanda di generazione in generazione. A questo proposito, riporto qui il link di un articolo uscito su “La Repubblica” nel lontano 2005, ma sempre attuale:

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2005/10/16/pubblicita-modello-studiata-all-universita.fi_181pubblicit.html
Il mulino stilizzato è nato nel 1975, e la scelta di materializzarlo, si è palesata tra il 1989 e il 1990, quando per la prima volta un’azienda in Italia ha eletto un luogo reale a centro promozionale dei propri prodotti.

Il Mulino delle Pile, questo il nome oggi di questo posto incantato, si trova più specificamente a Luriano. Non è bianco, anzi, nella sua veste attuale, mantiene quel suo fascino che lo rende così caratteristico.

L’abbiamo scovato grazie a un cofanetto regalo che ormai stava prendendo polvere. E quando ho visto le foto e il sito, è stato un colpo di fulmine. 

Luogo di pace, dove lasciar spento il telefono, per farti cullare dal rumore del piccolo corso d’acqua e silenzio.

Con simpatiche galline pelose asiatiche, chiamate Moroseta…

… e candide papere…

A valorizzare ancor di più questo luogo, l’accoglienza, la professionalità e la cortesia di tutto lo staff. E la gentilezza di Luigia che trasmette passione ed entusiasmo in tutto ciò che fa.

Per non parlare dei piatti degustati. Genuini e deliziosi.

Dai taglieri di salumi e formaggi, accompagnati da un Chianti biologico della zona

Ai pici all’aglione…

E uno splendido trionfo di pappardelle al ragù di chianina… 

E virare su un’insalata di tenero polpo

E concludere in bellezza con una fetta di crostata 

E gustare una colazione in tutta tranquillità con le tovaglie e le tazze del mulino

Un paradiso a pochi km di distanza dall’Abbazia di San Galgano 

…Dall’eremo, dove si trova la vera spada nella roccia, appartenuta al santo

Da Chiusdino,  dove si trova la casa natale di San Galgano e il museo allo stesso dedicato…

E fare un salto a Siena, per respirare l’arte e la storia…

Se andate al Mulino delle Pile,  non troverete il buon Banderas, ma persone reali con un cuore grande. 

A presto!

Per informazioni:

http://www.agriturismoilmulino.com/it/